fbpx

Casa Vinicola Aldo Rainoldi

Filtri Disponibili

Showing all 12 results

Vedi 18/36/Tutti

Regione

Annata

Denominazione

12 prodotti

CASA VINICOLA ALDO RAINOLDI

LOCALITÀ: VIA STELVIO 128, CHIURO (SO)
PROPRIETARIO: FAMIGLIA RAINOLDI
ENOLOGO: ALDO RAINOLDI
AGRONOMO: SONIA MANCINI
PRODUZIONE ANNUA: 185.000 BOTTIGLIE
ETTARI VITATI: 9,7

L’AZIENDA

Agli inizi degli anni Venti la Valtellina si trova in un contesto di povertà caratterizzato da emigrazioni. Come spesso accade in queste situazioni, le necessità della vita ed il desiderio di emergere per sfuggire alle difficoltà portano l’uomo ad animare il proprio spirito di intraprendenza.
“Se non getti il cuore oltre l’ostacolo e non lo fai quando ne hai le forze, probabilmente certe cose non le farai mai nella vita!”. Quante volte Aldo Rainoldi ha sentito il nonno, suo omonimo, pronunciare queste parole riferendosi agli inizi della propria carriera di piccolo commerciante valtellinese; in questa breve frase è racchiusa la caparbietà di colui da cui l’avventura della Casa Vinicola Rainoldi ha avuto inizio.
Alle successive generazioni il merito di aver trasformato l’azienda in una realtà che copre la filiera dalla produzione delle uve sino alla commercializzazione del vino anche al di fuori dei confini nazionali.

LE PERSONE

Giuseppe Rainoldi nasce nel 1850 in Arigna, piccolo paese situato sulla sponda orobica della valle, e già all’età di vent’anni, essendo proprietario dell’unico mulino esistente in zona, produce e commercia granaglie. La farina di frumento ed il mais, ingredienti essenziali per la preparazione di pane e polenta, sono in quel periodo la base per i principali alimenti di sussistenza, il disporne equivale a ricchezza. Il baratto rappresenta una delle più importanti forme di commercio e la preziosa farina può essere facilmente scambiata con altri prodotti locali quali patate, castagne, mirtilli, funghi. Giuseppe dispone in grande quantità dei frutti tipici della terra, al punto da iniziare a venderli anche nella vicina Svizzera. Il mercato è redditizio, ma purtroppo legato alla stagionalità tipicamente autunnale dei prodotti. Con l’acume tipico del commerciante, Giuseppe avverte la necessità di approvvigionarsi di un bene apprezzato e vendibile durante tutto l’arco dell’anno. La svolta nel consolidamento della propria attività di commerciante sarà il frutto di una felice intuizione: il vino!
Nel 1905 nasce Aldo, figlio di Giuseppe e promotore della Casa Vinicola Rainoldi che, ancora oggi, porta il suo nome. Nel 1925, è proprio lui a far costruire a Casacce, frazione di Chiuro, l’edificio che ancor oggi ospita la sede della Casa Vinicola. Il progetto è molto ambizioso per quell’epoca, basti pensare che furono necessari dieci anni per completare quello che, per molto tempo a venire, rimase l’unico stabile della via. Negli stessi anni Aldo affianca il padre Giuseppe nel commercio del vino, trasportandolo in piccoli fusti di castagno in Svizzera ed in tutta la Lombardia. Inizialmente la vendita del prodotto in bottiglia rappresenta solo una piccola quota della produzione, esclusiva di pochi intenditori, ma a partire dalla seconda metà degli anni Cinquanta, con la contemporanea indicazione dell’annata sull’etichetta, l’imbottigliamento del vino diventa preponderante.
All’inizio degli anni Sessanta è Giuseppe (Peppino per gli amici), figlio di Aldo, ad assumere le redini dell’Azienda e proprio grazie alla sua vivace intraprendenza si ha una redditizia espansione del mercato, soprattutto estero. Europa, Stati Uniti, Canada, Giappone, est asiatico: Giuseppe intuisce subito che il consumatore di vino è sempre più cosmopolita e cittadino del mondo e che si rende necessario l’ampliamento della gamma di prodotti al fine di soddisfare una domanda sempre più diversificata ed internazionale.
Nel 1994 Aldo, nipote di Giuseppe, si iscrive al corso di Viticoltura ed Enologia dell’Università di Torino. A fine anni Novanta, terminati gli studi e dopo una serie di esperienze in altre realtà viticole, anch’egli si unisce all’Azienda nel segno della continuità familiare. Ottimizzare e razionalizzare gli aspetti produttivi nel segno della tradizione manageriale dell’azienda, ampliare i mercati e coniugare la qualità del prodotto con il rispetto dell’ambiente sono gli obiettivi quotidiani.

LA FILOSOFIA

In cantina il senso dello slogan “il vino come cultura” si avvalora nella già citata “farmacia dei sani”, in principio vasca per l’affinamento ed ora angolo destinato a custodire i grandi formati delle migliori Riserve, e nell’Infernot, colmo di casse in legno di vini che hanno fatto la storia dell’azienda.
Infatti, come spesso afferma Giuseppe Rainoldi, per interpretare il futuro bisogna conoscere il passato: “le vecchie annate sono importanti per verificare il lavoro fatto nelle vendemmie precedenti, ma ci aiutano a comunicare meglio le enormi potenzialità di questi vini nel tempo”.

IL TERRITORIO

La Valtellina è una valle montana che si estende in direzione est-ovest nel nord Italia. La seconda area di maggiore diffusione del Nebbiolo al mondo e la più estesa viticoltura di pendenza in Italia. La terza a livello europeo.
Un territorio unico, affascinante, dominato da oltre 2500 chilometri di muri a secco. Una fascia vitata straordinaria che permette la coltivazione ottimale del Nebbiolo grazie alla particolare condizione microclimatica presente a queste latitudini: basti pensare che a ridosso dei muri a secco crescono spontaneamente Cactus e altre piante grasse. Una vera macchia mediterranea nel cuore delle Alpi.
Qui il vitigno Nebbiolo - chiamato localmente Chiavennasca - sa donare vini profumati, di grande finezza e longevi. Chiavennasca, dal dialetto “Ciù Vinasca”, significa “più vinosa”, come avevano compreso già nel dodicesimo secolo i monaci benedettini, i primi a intuire la potenzialità e l’adattabilità del vitigno alla situazione pedoclimatica valtellinese.
Un vino di grande qualità quello valtellinese. Il risultato della combinazione di più fattori. L’esposizione a sud di tutti i vigneti e la forte pendenza degli stessi, che determinano un’insolazione del tutto straordinaria. Le forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, tipiche degli autunni secchi e soleggiati, che permettono di avere grappoli più sani e vini più aromatici. I terreni leggeri, poco profondi, sciolti, mai umidi e soprattutto con produzioni per ettaro contenute. L’età media dei vigneti che supera i sessant’anni, garanzia di qualità.
Vigneti davvero unici, che necessitano di grande cura e attenzione e di una lavorazione che viene fatta esclusivamente a mano. Una viticoltura di montagna che richiede circa 1.200 ore di lavoro all’anno per ettaro - quattro volte il tempo impiegato nelle viticolture di collina - e una vendemmia che talvolta viene effettuata con l’aiuto dell’elicottero per trasportare l’uva raccolta dai terrazzamenti a valle.

I PRODOTTI

  • Sale

    Brut Rosè

    Nata sul finire degli anni Settanta da una felice intuizione di Giuseppe Rainoldi, la spumantizzazione del Nebbiolo di alta quota è un vanto di Casa Rainoldi. Rigorosamente fedele al metodo classico, questo millesimato esalta la sua unicità grazie ad un affinamento di 36 mesi sui lieviti. Temperatura di servizio consigliata: 10°.
     21,00  18,90
  • Sale

    Crespino

    Quando "Il Crespino" (bacca di rosa Canina) raggiunge lo splendore dei suoi colori, è il momento ideale per vendemmiare le uve Nebbiolo che provengono dai terrazzi abbarbicati sulla roccia viva delle sottozone del Valtellina Superiore. La fermentazione e la maturazione avvengono in barriques nuove di rovere francese a tostatura leggera per un periodo di 15 mesi. Successivamente di vitale importanza è l'affinamento in bottiglia per un minimo di 12 mesi in cantine fresche e buie prima della commercializzazione. Temperatura di servizio consigliata: 16° - 18°.
     25,00  22,50
  • Sale

    Cuvée Maria Vittoria Rosè Nature

    La spumantizzazione del Nebbiolo secondo le regole del metodo classico rappresenta un vanto di casa Rainoldi. La Cuvée Maria Vittoria, prodotta in tiratura limitata con uve provenienti esclusivamente da vigneti di alta quota, esalta la sua unicità grazie a 60 mesi di affinamento sui lieviti. Temperatura di servizio consigliata: 10°.
     31,00  27,90
  • Sale

    Fruttaio Ca’ Rizzieri

    Vino di grande eleganza, ottenuto solo nelle annate favorevoli da una selezione delle migliori uve Nebbiolo. I grappoli vengono lasciati appassire su graticci a 500 m. di altitudine, nel Fruttaio “Ca' Rizzieri”, che gode di un clima asciutto e ben ventilato. La fermentazione e la maturazione avvengono in barriques nuove per un periodo di 16-18 mesi. Successivamente di vitale importanza è l'affinamento in bottiglia per oltre 12 mesi in cantine fresche e buie. Temperatura di servizio consigliata: 18°.
     41,50  37,35
  • Sale

    Ghibellino

    Vino ottenuto esclusivamente dalla vinificazione di uve Sauvignon Blanc. Maturato in acciaio e successivamente in bottiglia, si contraddistingue per la piacevolezza e la complessità delle sue note varietali oltre che per il gusto secco. Eccellente con primi piatti, carni bianche, pesce e con formaggi freschi. Temperatura di servizio consigliata: 13°.
     20,00  18,00
  • Sale

    Grumello

    Vino proveniente dalla sottozona del Valtellina Superiore che prende nome dall'omonimo castello risalente al XIII secolo. Rosso di alta personalità con buone caratteristiche di corpo e di struttura da consumarsi preferibilmente a partire dal terzo anno di produzione. È compagno ideale per carni rosse, selvaggina, primi piatti di una certa consistenza, nonché formaggi di media stagionatura. Per l'invecchiamento si consiglia di tenere la bottiglia coricata. Temperatura di servizio consigliata: 16° - 18°.
     15,00  13,50
  • Sale

    Inferno

    Vino proveniente dalla più piccola e rocciosa delle sottozone del Valtellina Superiore che si estende in una serie di terrazzi abbarbicati sulla roccia viva. Rosso leggermente ruvido in gioventù, tende ad ammorbidirsi con l'invecchiamento e si distingue per particolari caratteristiche di profumo e di corpo. Ottimo con carni rosse e selvaggina, si sposa anche a formaggi stagionati. Temperatura di servizio consigliata: 16° - 18°.
     15,70  14,10
  • Sale

    Nebbiolo

    Vino giovane ottenuto da uve Nebbiolo provenienti da vigneti della zona Doc vinificate integre, unitamente ad altre lievemente ammostate. Si presenta con caratteristiche di particolare freschezza, molto fruttato e ricco di profumi. Vino dal gusto morbido e rotondo, indicato con antipasti, primi piatti e formaggi giovani. Temperatura di servizio consigliata: 16°.
     10,50  9,45
  • Sale

    Prugnolo

    "Prugnolo" è il nome del Prunus Spinosa, arbusto decorativo che cresce a ridosso delle nostre vigne. Le sue bacche blu-viola maturano in autunno, in corrispondenza del periodo vendemmiale. Ottenuto dal nobile vitigno Nebbiolo, il “Prugnolo” è vino di struttura frutto di un'attenta selezione di uve provenienti dalle terrazze del Valtellina Superiore. Maturato in piccoli fusti di rovere, regala soddisfazioni sin dalla sua gioventù. Temperatura di servizio consigliata: 16° - 18°.
     15,50  13,95
  • Sale

    Sassella

    È il prodotto della più nota delle sottozone in cui è diviso il Valtellina Superiore. Vino rosso con caratteristiche di particolare armonia già dopo due o tre anni. È particolarmente indicato con le carni rosse, anche se si abbina ottimamente con i primi piatti sostanziosi e con formaggi di media stagionatura. Per lunghi invecchiamenti si consiglia di tenere la bottiglia coricata in luogo fresco e a temperatura costante. Temperatura di servizio consigliata: 16° - 18°.
     15,50  13,95
  • Sale

    Sfursat di Valtellina

    La sua caratteristica deriva dal particolare metodo di lavorazione. È frutto infatti della vinificazione di uve lasciate appassire in cassette sino a dicembre-gennaio in modo che si concentri il contenuto zuccherino e si sviluppino particolari aromi. È un vino pieno, rotondo, dal profumo intenso e complesso. Si presta a lunghissimi invecchiamenti se ben conservato in luogo fresco, tenendo la bottiglia coricata. Temperatura di servizio consigliata: 18°.
     31,00  27,90
  • Sale

    Zapel

    Vino ottenuto dalla vinificazione in bianco di uve Nebbiolo, Sauvignon Blanc e Chardonnay. Bouquet fine ed elegante che trova conferma nel gusto secco e morbido. Ideale come aperitivo ed in abbinamento a piatti di pesce e crostacei. Temperatura di servizio consigliata: 10°.
     10,50  9,45
Chiudi

Sei in possesso di username e password?
Inseriscili qui.



Sei in possesso di uno dei nostri codici?
Inseriscilo qui.


Inserisci la tua email.
Riceverai la tua password tramite email